Comunicare la separazione ai figli

Share Post:

Comunicare la separazione ai figli è senza dubbio una dei quesiti più frequenti che nella stanza di mediazione familiare vengono posti dai genitori.

La paura di dire qualcosa di sbagliato o di ferire ulteriormente i propri figli è costante, tanto da temere di “fare peggio”.

Tendenzialmente, la separazione, se gestita correttamente e comunicata in altrettanto modo, non risulterà un evento così traumatico da non poter essere superato. Certo è, che come tutte le cose, ha i suoi tempi di elaborazione.

Il primo aspetto da tenere in considerazione è che ai nostri figli non importa (e non deve importare) sapere di chi è la colpa o chi ha preso la decisione; infatti, ciò che diremo loro è “abbiamo deciso di separarci”.

Secondo aspetto fondamentale, è essere presenti entrambi: è necessario che entrambi i genitori siano presenti e tutti e due, quindi, diranno qualcosa in merito.

Altro punto da non sottovalutare è spiegare cosa significa “separarsi”.

Inoltre, punto centrale è accogliere le domande e lo stato emotivo dei figli, per tutto il tempo necessario.

Parole, tempi, emotività dei genitori, le reazioni che i figli potrebbero avere, così come i comportamenti dei giorni successivi, sono tutti elementi da gestire.

Questi sono alcuni degli accorgimenti da tenere a mente (e non sono trattati in modo esaustivo) e permettono di avere traccia di cosa comunicare e in che modo.

Se vi ritrovate nella situazione di dover comunicare ai figli la separazione o volete avere maggiori informazioni in merito, non esitate a contattarmi e richiedere un colloquio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Scopri di più

Leggi altri articoli

La personalità è un fattore innato?

“La personalità è un fattore innato?” è difficile rispondere a questa domanda in modo univoco. Sicuramente è da tenere a mente il fatto che ognuno